Calamaio



go back

Magnus
Mi chiamo Magnus il nome è finto ma forse lo sono anch'io.
Non ho passato né futuro, solo un presente opaco.
Spezzo le frasi e mordo le parole perché sotto la lingua gemono e sotto i denti stridono. Quando le butto nel fuoco (indovinate?) sfrigolano. Mi piace il suono e il paradosso, il senso e il significato sono luoghi altrove.
Tanto non rimarrà nulla, tutto è adesso.

linea
Scelta necessaria

Chi scrive poesie
e chi scrive i manuali d'uso dei frigoriferi

Preferisco i secondi
Una poesia non disseta
mai vista una frizzante
o fresca e alcolica
sapida e lieve
dolceamara come un aperitivo
profumata di caffè come una birra inglese

Una poesia può essere un'immagine
ma non disseta nemmeno l'anima
linea
decorazione



decorazione



decorazione
Finzione

L'eco della voce arriva
il senso e il significato seguono da vicino

Accenni di noia
la cortesia necessaria finge interesse

Mi sposto di fianco e cambia il timbro
giuro, anche l'angolo e la piega

Lo sforzo sveglia l'attenzione
e riconosco il me narrante
linea
Cambio vita

Adesso esco.
Ho scritto tutto su un foglio
lista della spesa di una prossima vita

Piroetta, anche virtuale
sottolineo il gesto, marco un segno
allittero e ripeto a me stesso
controllo anche i soliti vizi
uno, spento, due, chiuso, tre …
Ricomincio: uno, due, tre

Manca il riscontro
qualcuno che sostenga e certifichi
un mancato controllo

Decido, da solo, che va bene
non serve la lista
non ci sarà una prossima vita
linea
decorazione


decorazione


Acrobazie

Punto sul controcanto, ipotizzo scale armoniche
Gorgheggio ilareggiando, mi fermo e riprendo
Percepisco variazioni avvedute nel pubblico
Sebbene stanco, arieggio il torace
E ricomincio il canto
linea
go back